Ricerca

STRUTTURA

  • slide
    Your home in Italy
  • slide
    Your home in Italy
  • slide
    Your home in Italy
  • slide
    Your home in Italy
  • slide
    Your home in Italy

Le nostre proposte


Sofia's House
Scegli la casa perfetta per la tua vacanza da sogno sul meraviglioso mare della Sicilia.


Cosa offre il nostro territorio

Cosa mangiare


Palermo, Famosa in tutto il mondo per il suo street food, non va solo vista, va anche assaggiata...
Questi i cibi più famosi: 
"Pani cà meusa": In italiano "panino con la milza". E' un panino ripieno di milza, polmone e trachea di vitello bolliti e poi tagliati a fette sottili, fritti poi nello strutto. Esistono la variante "schietta" con il solo limone e quella "maritata" con scaglie di caciocavallo.

"Pane Panelle e Crocchè":  la panella è una piccola frittata di farina di ceci, acqua e prezzemolo e, preparata in questo modo, è tipica della città di Palermo. Le crocché, invece, sono crocchette di patate. Il tutto viene inserito all’interno di un panino.

"Arancina": forse il cibo più famoso.... una palla di riso fritta ripiena di carne macinata o formaggi vari. Ultimamente sono nate diverse varianti.

"Cannolo": Sono fatti di una cialda di pasta fritta e ripieni di ricotta di pecora.

Le nostre spiagge

La Sicilia offre ben 1500 km di costa dove poter trovare angoli di paradiso su spiagge sabbiose e coste frastagliate protette dalle scogliere. Dal versante occidentale a quello orientale c'è solo l'imbarazzo della scelta. Lungo le coste siciliane potrete trovate spiagge attrezzate, spiagge sabbiose perfette per i bambini, spiagge isolate e nascoste che potrete raggiungere con un percorso di trekking. 

Mondello:  Si trova a due passi da Palermo, tra il Monte Gallo e Monte Pellegrino, e oltre a essere una meravigliosa spiaggia di sabbia lambita da un'acqua cristallina permette di ammirare numerose ville in stile Liberty, che sorgono qui vicino, oltre a numerosi siti archeologici, disseminati per tutta l'isola.

Scopello: Una splendida scenografia creata dai faraglioni di fronte a un'antica tonnara, con suggestive calette di sabbia a ghiaia che si aprono nelle rocce a strapiombo sul mare. Un sito adatto alle immersioni e allo snorkeling, grazie alla trasparenza dell'acqua.

San Vito Lo Capo: La spiaggia di Santu Vitu si trova nella punta Nord occidentale della Sicilia: a ridosso di una montagna la finissima spiaggia bianca contrasta con l'azzurro abbagliante del mare. Da non perdere una visita al Museo del Mare.

La storia del territorio

Se pensiamo alla cultura ed arte siciliana ci vengono subito in mente i grandiosi templi greci a Selinunte, Segesta ed Agrigento ed ai teatri greci di Taormina e Siracusa. Grazie alla sua posizione geografica, la Sicilia ha sempre avuto un ruolo di mediazione tra Oriente ed Occidente, il che si riflette anche nell'arte siciliana. Monumenti fenici, arabi e bizantini, scavi ed opere d'arte si trovano qui accanto a mosaici e ville romane, castelli e cattedrali normanne ed intere città barocche. 

PALERMO “La più bella e la più grande metropoli del mondo”. Così descrive Palermo lo storico arabo Al-Idrisi (1099-1164 circa). Lo splendore di Palermo inizia nell’831 con la conquista da parte degli Arabi e con la sua conseguente elezione a centro di cultura e sviluppo del Mediterraneo. La città, sede di un emirato, ospitava innumerevoli moschee e palazzi residenziali della nobiltà musulmana. Con la conquista Normanna del 1072, Palermo divenne il centro più popoloso dopo Costantinopoli. I Normanni, diedero avvio ad un fiorente sviluppo economico e culturale e la elessero a capitale del Regno. A reggere le sorti dell’isola furono Ruggero a cui succedettero Guglielmo I (1154-1166) e poi il figlio, Guglielmo II (1166-1189). Nella città cosmopolita si parlavano latino, greco, arabo, francese e in quegli anni, iniziò ad introdursi la lingua volgare attraverso i canti e le poesie dei trovatori. La politica arguta dei Normanni riuscì ad adattare sistemi amministrativi e giuridici solidi tenendo conto delle varie etnie e culture coesistenti in Sicilia. L’avvento di Federico II segnò per la città di Palermo una importante rivoluzione culturale e politica. Al sovrano si deve, tra l’altro, di aver contribuito alla nascita della lingua volgare Italiana, grazie alla importante produzione poetica e letteraria di quegli anni. E’ proprio grazie alla “Scuola Poetica Siciliana”, nata durante il regno Federiciano, che si deve la nascita del sonetto. Con la morte di Federico, la città perde il suo ruolo primario nel bacino del Mediterraneo. Sono gli Angioini (1266-1282) e poi gli Aragonesi (1282-1409) a prendere in mano le sorti della città. Con gli Angioini inizia un periodo vessatorio per la nobiltà e la popolazione e Palermo cede a Napoli il ruolo di capitale. Palermo insorge nel 1282 con la celebre guerra del Vespro e caccia i Francesi dall’isola. Ormai Palermo è nell’orbita spagnola: dapprima come regno vassallo e poi, dal 1409, come dominio diretto degli Aragonesi. La città pian piano si spopola e subisce una involuzione ed un periodo di stasi dal punto di vista urbanistico. I quasi tre secoli di dominio spagnolo segnano la rinascita della città: vengono chiamati artisti, stuccatori e decoratori ed eretti sontuosi monumenti (ad es. la Fontana Pretoria). Viene ampliata la estensione della città e  prolungato il Cassaro fino al mare. Dopo una breve parentesi di dominazione Sabauda e Austriaca, gli Spagnoli, con Carlo III tornano a governare la Sicilia non pi come stato vassallo della Spagna ma come stato autonomo del regno di Napoli. La nobiltà erige meravigliose regge e palazzi. Grazie a Ferdinando IV vengono incoraggiati gli studi scientifici e viene istituito, tra gli altri,il maestoso orto botanico nella via Lincoln. Nel settembre del 1866, la città è teatro di sanguinosi moti antigovernativi. Vengono avviati i lavori di costruzione dei due principali teatri della città, il Teatro Massimo ed il Teatro Politeama.    
The world class

Bar

Semper ac dolor vitae accumsan. Cras interdum hendrerit lacinia. Phasellus accumsan urna vitae molestie interdum. Nam sed placerat libero, non eleifend dolor.

Cras ac justo et augue suscipit euismod vel eget lectus. Proin vehicula nunc arcu, pulvinar accumsan nulla porta vel. Vivamus malesuada vitae sem ac pellentesque.

The world class

Gym

Semper ac dolor vitae accumsan. Cras interdum hendrerit lacinia. Phasellus accumsan urna vitae molestie interdum. Nam sed placerat libero, non eleifend dolor.

Cras ac justo et augue suscipit euismod vel eget lectus. Proin vehicula nunc arcu, pulvinar accumsan nulla porta vel. Vivamus malesuada vitae sem ac pellentesque.